WePlanet 2020 || DAL 12.04 AL 21.06 – MILANO || 100 GLOBI PER UN FUTURO SOSTENIBILE

WE-PLANET===Locandina===2020

Immagine - WePlanet Contest 2020, Milano -- LiceoCaravaggio_006 [Rif. 54words.net]=

Immagine – WePlanet Contest 2020, Milano — LiceoCaravaggio_006 [Rif. 54words.net]

«WePlanet è la grande mostra open air che colorerà le vie di Milano per interpretare un futuro sostenibile.
 
Il progetto si avvale della creatività di designer, artisti e studenti delle più rinomate accademie milanesi, chiamati a interpretare il concetto di sostenibilità confrontandosi tutti attraverso una inedita installazione: un grande globo realizzato in materiale ecosostenibile.
 
Dal 12 di Aprile 2020 i 100 globi, realizzati da altrettanti artisti, verranno collocati in 100 diversi punti della città dando vita alla più grande mostra open air sulla sostenibilità mai realizzata a Milano
(Rif. 54words.net)
____________ Qui di seguito il comunicato  ⇓

 

Comunicato

«Procedono i preparativi per la prima edizione di WePlanet, la grande mostra open air che da Aprile a Giugno colorerà le vie di Milano per interpretare un futuro sostenibile.»

«WePlanet è un progetto che si avvale della creatività di designer, artisti e studenti delle più rinomate accademie milanesi, chiamati a interpretare il concetto di sostenibilità confrontandosi tutti attraverso una inedita installazione: un grande globo realizzato in materiale ecosostenibile.
Il 10 Aprile 2020 in Piazza del Duomo si terrà il grande evento lancio, con la messa in scena nel luogo simbolo della città dei cento globi terrestri artistici, realizzati e interpretati ciascuno da creativi e designer. Cento mondi e cento visioni sostenibili per Milano che nei giorni successivi dal 12 Aprile sino al 21 Giugno 2020 saranno collocati in cento diversi punti della città – piazze, vie, parchi – dando vita alla più grande mostra open air sulla difesa dell’ambiente mai realizzata a Milano.
Il Contest, lanciato negli scorsi giorni e voluto fortemente dagli organizzatori, vuole essere una call to action per tutti i creativi che desiderano confrontarsi sull’argomento e vedere la loro opera esposta insieme a quella realizzata da personaggi del calibro di Michele De Lucchi, Giulio Cappellini, Andrea Boschetti e Marco Scali.
Per partecipare basta collegarsi al sito ufficiale di WePlanet e scaricare il modello su cui realizzare la propria proposta.
Una volta pronta la creatività il candidato dovrà iscriversi al contest e caricarla attraverso il relativo form online.
Il 16 di Marzo una giuria composta da Attilio Tono, Maestro dell’officina creativa, Stefano Zecchi, membro del comitato artistico WePlanet, Paolo Casserà, CEO di WePlanet, Beatrice Mosca, coordinatrice di WePlanet Milano 2020, Flora Ribera Vice Direzione Generale Living Mediamond S.p.A. si riunirà per decretare il migliore progetto.
Il vincitore potrà realizzare la sua opera nel Laboratorio Creativo di WePlanet a Milano, entrare in contatto con gli altri artisti impegnati nel progetto e vedere infine la propria opera esposta dal 12 Aprile al 21 Giugno 2020.
È opportuno ricordare come, il periodo scelto per l’esposizione, abbracci alcune tra le settimane più importanti per il territorio milanese, garantendo grande visibilità all’iniziativa e, di conseguenza, agli artisti che ne prenderanno parte: dalla design week, alla fashion week – passando per archweek e photoweek – da aprile a giugno Milano raggiunge il picco di visitatori nell’anno.
Il Contest è aperto a tutti e sarà attivo fino al 9 marzo 2020.
L’evento nasce da un’idea di WEPLANET che si avvale del supporto di GRUPPO MONDADORI e MEDIAMOND, con il patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia.
La mostra vuole essere un invito a riflettere e agire: attraverso la carica aggregativa dell’Arte e del Design. Le opere d’arte, interconnesse l’una con l’altra, non si faranno solo ammirare, ma grazie alla realtà aumentata suggeriranno come migliorare la vita nel rapporto con il pianeta, dialogando con i visitatori e i cittadini del mondo in stretta connessione con le visioni e lo sviluppo sostenibile delle aziende pubbliche e private.»

============

WePlanet è un evento certificato secondo lo standard internazionale per la gestione degli eventi sostenibili ISO 20121. WEPLANET concorre al raggiungimento dei 17 Global Goals delle Nazioni Unite (SDGs -Nazioni Unite).
WePlanet è un progetto realizzato in collaborazione con: CasaFacile, Focus, Grazia, Icon Design, Interni. MediaPartner: Radio Montecarlo, TGcom24.
In collaborazione con: Grandi Stazioni Retail, EarthDayItalia.
Partner Istituzionali: Accademia di Belle Arti di Brera, FE.N.CO – Federazione Nazionale dei Diplomatici e Consoli esteri in Italia, Camera di commercio di Milano, Monza, Brianza, Lodi, FederTurismo – Confindustria, Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile – Confimprese, Fondazione Zecchi, ATM, Sotheby’s.
Aziende Sponsor: Aran Cucine, Armata di Mare, Associazione Parco Segantini, Associazione FAS, Banca Galileo, Biochimica, BLU, Boero Vernici, Bonduelle, BSH, Caudalie, Ceramica Flaminia, Cobat, Comune di Chiavari, Consorzio Parmigiano, Euromobil, Fabbrica Pelletterie Milano, Fassi, Fondazione Serbelloni, Fondazione Volta Como, Fossati, Ganassini, Gobbetto, Grandi Stazioni Retail, Gruppo Cremonini, Gruppo Pleadi, Helbiz, Icons, Igp Decaux, Integer-TBWA, iSEMPREVIVI Onlus, ITAS Mutua, ITLAS, ILVA, Lignee Roset, Meteo Expert, Panificatori Marinoni, Poliform, Rinascente, SEA, Slide, Sprint Academy, Tescoma, Yves Rocher.
Sponsor Tecnici Milano 2020: Gruppo Boero, Octo_Net, WeRHappy, Loreto Print.
Direzione Atelier: Sculpturlab.

 

 

_______________________________
Ufficio Stampa 54words c/o Fabbrica del vaporeMilanoweplanet@54words.net

 

Immagine - WePlanet Contest 2020, Milano -- Globo_Grezzo [Rif. 54words.net]

Immagine – WePlanet Contest 2020, Milano — Globo_Grezzo [Rif. 54words.net]

Immagine - WePlanet Contest 2020, Milano -- Save_Milano_Piazza_015 [Rif. 54words.net]

Immagine – WePlanet Contest 2020, Milano — Save_Milano_Piazza_015 [Rif. 54words.net]

«IL RISVEGLIO DELL’ORSO M49» – Marzo 2020

GaiaAnimaliAmbiente-Coordinam-et===IL-RISVEGLIO-DELL-ORSO-M49===Marzo2020

Comunicato

«M49 non ha colpe: conduce una vita da orso e non è responsabile della malvagità dell’essere umano che attende predazioni e danni senza adottare le necessarie misure di prevenzione per poi perseguitarlo a scopo propagandistico.»

Trento 5 marzo 2020 – «L’orso M49 è uscito dal letargo e con lui si sono risvegliati istantaneamente gli allarmi sulla sua pericolosità. L’orso ha razziato un’arnia e forse tentato di predare un animale abbandonato: normalissimo comportamento di ogni orso che all’uscita dal letargo ha necessità di ricostituire l’equilibrio energetico compromesso dal lungo digiuno.

La presidenza della Provincia Autonoma di Trento ha prontamente fatto sapere che l’ordinanza di rimozione, incautamente emessa la scorsa estate, è sempre valida. Questo significa che a breve riprenderà la caccia all’unico orso presente nel Trentino orientale. M49 è stato trasportato dalla forestale trentina in un’area dove non c’erano orsi con una operazione di cattura magistralmente inutile. Com’è noto il giovane orso dopo la fuga dalla prigione dove volevano rinchiuderlo a vita, è sfuggito, entrando e uscendo a suo piacere dalle trappole a tubo piazzate per lui, ad altri tentativi di cattura.

È possibile che ci saranno predazioni e danni, ma non è detto: M49 ha dimostrato di essere schivo ed elusivo e fugge alla vista dell’uomo. La responsabilità, in ogni caso, sarà dell’amministrazione provinciale che ci ha tenuto a dimostrare la cattiva gestione di questo splendido animale.

M49 non ha colpe: conduce una vita da orso e non è responsabile della malvagità dell’essere umano che attende predazioni e danni senza adottare le necessarie misure di prevenzione per poi perseguitarlo a scopo propagandistico.

Il 6 marzo avrà inizio il processo contro Ugo Rossi, l’ex presidente della PAT che fece uccidere la mamma orsa KJ2. Le scriventi associazioni, colgono l’occasione per sconsigliare anche l’attuale presidente PAT dall’adottare azioni ostili a M49 e gli altri orsi presenti in Trentino.

“Nulla lasceremo di intentato per ottenere giustizia e corretta gestione della popolazione di orsi trentina che non è responsabile della cattiva amministrazione e delle idee ostili alla biodiversità”, dichiara Edgar Meyer, presidente di Gaia Animali & Ambiente.»

GAIA Animali e Ambiente
LAC Trentino Alto Adige/Südtirol
LEAL Lega Antivivisezionista
LIMAV Italia OdV
OIPA – Organizzazione Internazionale Protezione Animali
Salviamo gli Orsi della Luna
Coordinamento Grandi Predatori e Fauna Selvatica

 

GaiaAnimaliAmbiente-Coordinam-et===IL-RISVEGLIO-DELL-ORSO-M49===Marzo2020==

Immagine – Rif. «IL RISVEGLIO DELL’ORSO M49» – Marzo 2020 [GaiaAnimaliAmbiente-Coordinam-et]

«TV, A “DALLA PARTE DEGLI ANIMALI”, CON MICHELA VITTORIA BRAMBILLA: IL CANE SCALATORE, L’AMICO A 4 ZAMPE DI TULLIO SOLENGHI E I CAMPIONI DI RALLY OBEDIENCE.» :: Appuntamento a Domenica 8 Marzo 2020.

TV==DALLA-PARTE-DEGLI-ANIMALI==[Rif.UffStampa_On_MichelaVittoriaBrambilla-Marzo2020]==On. Brambilla1-puntata9_

TV, A “DALLA PARTE DEGLI ANIMALI”, CON MICHELA VITTORIA BRAMBILLA: IL CANE SCALATORE, L’AMICO A 4 ZAMPE DI TULLIO SOLENGHI E I CAMPIONI DI RALLY OBEDIENCE

«Il cane che ha scalato il monte Rosa e Freddie, l’amico a quattro zampe del simpatico Tullio Solenghi, sono tra i protagonisti della nona puntata di “Dalla parte degli animali”, la trasmissione ideata e condotta dall’on. Michela Vittoria Brambilla, in onda su Rete 4 la domenica alle 10,50 subito dopo la Santa Messa. Nel sommario anche i cani campioni di “Rally obedience”, capaci di gareggiare in perfetta sintonia con i loro conduttori. Come sempre, “Dalla parte degli animali” promette emozioni e divertimento e manterrà la promessa. Sarà veramente “dalla parte degli animali”, per offrire una seconda opportunità ai tanti piccoli amici che vivono nei canili e nei rifugi italiani, di qualunque specie siano.

Sei le proposte di adozione nella nona puntata, compresa quella “speciale” della pecora Silvie, un anno, abbandonata dal pastore e ospitata dal canile di Monza, e la consueta “adozione live”. La “Storia a lieto fine” è quella di Nepal, il cane scalatore: un lupo cecoslovacco, che è arrivato in cima al Monte Rosa con il suo inseparabile amico Andrea. L’”Amico salvato” è il riccio Spillo, che aveva bisogno di cure per sopravvivere. Daniela l’ha salvato e ci racconta come. Per la rubrica “L’amico famoso” incontreremo l’attore Tullio Solenghi, che ci presenta il suo Freddie, “il cane che ulula di felicità”. Poi toccherà agli ospiti speciali, i campioni di Rally obedience, disciplina cinofila sportiva, ma soprattutto un gioco educativo, che crea, mantiene e approfondisce la relazione fra il cane e il conduttore. “Si tratta – spiega Cristian Oggioni, del centro cinofilo Magic Dog di Cinisello Balsamo – di un’attività svolta dal binomio uomo-cane, in cui viene richiesto di affrontare un percorso costituito da varie tappe – da qui il nome “rally” – attraverso le quali il conduttore deve transitare, dimostrando il maggior affiatamento possibile con il cane con cui lavora”. I cani Faith, Yoschy e Chad daranno una dimostrazione pratica, insieme con i loro amici umani”.

La rubrica “Animali e l’arte” con i commenti di Roberto e Giuliana, due giovani studiosi che svelano i segreti dei capolavori a soggetto animale, o con un animale in posizione di rilievo, è dedicata questa volta alla “Visione di San Girolamo” di Vittore Carpaccio (1465-1520). L’intervistato “impossibile” sarà il pappagallo, che con il suo talento per le imitazioni stupisce l’uomo da secoli. Il “domandone” dei bambini, cui la paladina degli animali dovrà rispondere, riguarda l’amicizia tra cane e gatto: possibile o no? E se sì, come?

Poi sarà la volta del meticcio Lucky, un ex randagio dal pelo lungo e molto simpatico, ormai mascotte della trasmissione e caposervizio responsabile dello spazio social (profilo Fb, Twitter, Instagram e canale YouTube), al quale i telespettatori inviano le più originali, divertenti, toccanti immagini dei loro amici a 4 zampe. Sempre a lui, in ogni puntata, il compito di presentare la campagna di un’associazione animalista: perché “Dalla parte degli Animali” è anche uno spazio di solidarietà. Ogni settimana, inoltre, Radio 101 rilancerà i contenuti della puntata e aggiornerà gli ascoltatori sullo stato delle adozioni.

Per la quarta stagione, il programma chiama a raccolta chi ama gli animali e si commuove ascoltando le loro storie e quelle degli umani che li accudiscono. C’è davvero tutto: dai trovatelli in cerca di adozione agli animali-campioni o eroi, testimoni di abnegazione e di fedeltà verso i loro amici umani, a tanti quattrozampe che con il loro modo di essere attirano la nostra attenzione e il nostro affetto, agli attivisti della protezione animale sempre in prima linea, fino a persone “comuni”, ma generose ed empatiche.

“Ogni domenica – ricorda l’on. Brambilla – facciamo il miracolo di regalare una famiglia ad animali che si trovano in difficoltà. La difesa dei diritti degli animali e di chi con loro convive è da sempre il mio principale obiettivo. Grazie alla televisione umani e non-umani che hanno bisogno gli uni degli altri possono finalmente incontrarsi. Per questo esiste “Dalla parte degli animali”, questa è la nostra missione. E per questo dobbiamo ringraziare i nostri affezionati telespettatori”.

Nella cascina-studio della verde Brianza, l’on. Brambilla presenta gli ospiti, i servizi con storie di animali sfortunati o eroici, le rubriche fisse, i video di quattrozampe alla ricerca di una nuova casa girati “on location” o nelle strutture che li ospitano. La paladina degli animali invita ad adottarli e, quando le circostanze lo consentono, consegna direttamente alle famiglie adottanti il nuovo amico, convintissima da sempre che “l’amore non si compra”.

Il programma è realizzato dalla direzione news Mediaset, a cura di Carlo Gorla e con la regia di Fabio Villoresi. Il promo della trasmissione è invece pubblicato sul canale YouTube al link https://www.youtube.com/watch?v=IrSxbm31FT4 ed è scaricabile al link https://drive.google.com/file/d/1C8X8SwbysTiZviLqPhDlH4agLKsZqotX/view.

Appuntamento quindi a domenica 8 marzo 2020, alle 10.50 su Rete4, con la mattina animalista di Mediaset in compagnia dei nostri piccoli amici e di Michela Vittoria Brambilla.»

 

_______

06 Marzo 2020
Ufficio Stampa On. Michela Vittoria Brambilla

Mosaico di Pace (mosaicodipace.it) > Mosaico dei giorni: #UnDíaSinNosotras (un giorno senza di noi) «affinché la luce delle donne brilli ovunque» || Iniziative 8-9 Marzo 2020, Messico.

Riferimento:

Mosaico dei giorni – #UnDíaSinNosotras – 6 marzo 2020 – Tonio Dell’Olio

https://www.mosaicodipace.it/mosaico/a/47365.html

«Una marcia nazionale per l’8 marzo e un giorno di blocco generale il 9: nessuna donna a scuola, in università, a fare la spesa, a lavorare. Così reagisce il Messico all’ondata di femminicidi che sta colpendo il Paese. Nel solo mese di gennaio sono 73 le donne ammazzate. Dall’inizio del 2020 ne sono state uccise almeno 200. (…) In Messico, nel 2019, sono state uccise 1.006 donne. In particolare, l’efferato omicidio della giovane Ingrid e della piccola Fatima, così come la morte di Mayte Aguilar a febbraio, sono crimini che per la loro brutalità hanno lasciato profondamente commosso il Paese. Anche le combattenti dell’esercito zapatista in Chiapas hanno aderito al blocco del 9 marzo #UnDíaSinNosotras (un giorno senza di noi), «affinché la luce delle donne brilli ovunque», annunciano nel comunicato per mostrare l’importanza sociale, economica e culturale delle donne messicane nella vita quotidiana di un Paese in cui non sono rispettate. Lupe, Maria e Estela a Città del Messico porteranno una sciarpa nera sui loro vestiti, «per ricordare ai governi del nostro Paese le donne scomparse e assassinate che ci mancano», spiegano mentre preparano i cartelli con la scritta “El 9 nadie se mueve” (il giorno 9 nessuna si muove). La violenza di genere non risparmia nessuno. Da una recente statistica emerge che su 10 poliziotte ben 7 hanno avuto esperienza di discriminazione. (Fonte: Nicola Nicoletti, Avvenire 6 marzo 2020, p.21

https://www.mosaicodipace.it/mosaico/a/47365.html

Terre des Hommes Italia Onlus > Una settimana #indifesa delle donne – BATA SOSTIENE INDIFESA – 2020 || Fino all’8 Marzo 2020, per ogni paio di calzature Bata acquistato in negozio oppure online, verranno donati 2€ al progetto indifesa di Terre des Hommes per far nascere un nuovo centro d’ascolto a supporto di donne e bambini.

Terre des Hommes Italia Onlus == Una settimana indifesa delle donne == Bata sostiene indifesa [Rif. tdhitaly.org] 2020

*******************************

Dal 24 Febbraio fino all’8 Marzo 2020, per ogni paio di calzature Bata acquistato in negozio oppure online, verranno donati 2€ al progetto indifesa di Terre des Hommes (www.tdhitaly.org) per far nascere un nuovo centro d’ascolto a supporto di donne e bambini.

*******************************

 

«I numeri parlano chiaro, la discriminazione di genere e la violenza sulle donne in Italia come nel resto mondo rimangono una primaria emergenza e una delle più difficili sfide che dobbiamo fronteggiare tutti i giorni.»

«La parità di genere non è solo un diritto ma è un obbiettivo fondamentale per lo sviluppo sociale ed economico del nostro paese. Con la nostra campagna indifesa da quasi 10 anni abbiamo posto al centro della nostra azione la protezione delle bambine e delle ragazze con progetti concreti oltre ad un’intensa attività di sensibilizzazione e prevenzione delle discriminazioni e della violenza di genere in Italia e nel mondo.

Bata, da sempre dalla parte delle donne esaltando l’energia e la forza che le contraddistingue, ha deciso di sostenere Terre des Hommes proprio in occasione della Festa della Donna. Dal 24 Febbraio fino all’8 Marzo 2020, per ogni paio di calzature Bata acquistato in negozio oppure online, verranno donati 2€ al progetto indifesa di Terre des Hommes (www.tdhitaly.org) per far nascere un nuovo centro d’ascolto a supporto di donne e bambini.

Il primo spazio indifesa in Italia, fornirà supporto alle donne, alle ragazze, alle bambine e ai bambini e alle famiglie in difficoltà che necessitano di assistenza psicologica e/o legale.»

 

 

Terre des Hommes Italia ONLUS
Milano
comunicazione@tdhitaly.org
—————————————————-
www.tdhitaly.org
—————————————————-